Auckland è nuovamente in lockdown; rinviato il primo fine settimana dell’America’s Cup. Se non ci saranno nuovi provvedimenti del governo Neozelandese, si scenderà in acqua il 10 marzo.

Anche la Nuova Zelanda si trova a dover far nuovamente i conti con la pandemia di CoVid e con il lockdown; nulla a confronto con quanto sta vivendo l’Italia e più in generale l’Europa. Si parla di pochissimi casi, ma l’estremo rigore in materia del governo guidato da Jacinda Ardern ha fatto si che tutta l’area di Auckland sia nuovamente precipitata in lockdown; al momento per soli 7 giorni, ma al termine di questo lasso di tempo; necessario alle autorità sanitarie per tracciare tutti i contatti dei positivi, la situazione sanitaria sarà nuovamente valutata.

Se tutto andrà come sperato, Luna Rossa ed Emirates Team New Zealand inizieranno a gareggiare dal 10 marzo, ma come? La speranza (obbiettivo) degli organizzatori, è quello di poterlo fare con la presenza del pubblico; la vela in Nuova Zelanda è uno sport molto seguito, e di conseguenza l’indotto attorno all’America’s Cup è parte fondamentale della manifestazione.

Lockdown Auckland America's Cup

L’equipaggio di Luna Rossa festeggia la vittoria della Prada Cup (Credits: ©COR 36 | Studio Borlenghi)

E se non fosse possibile gareggiare? Teoricamente le regate si possono rinviare ad oltranza: occorreranno comunque, in tutti i casi, le sette vittorie per poter alzare la vecchia brocca. Nell’atto di donazione, in vigore dal 1852 (che altro non è che il regolamento), è posto un solo paletto. Ovvero che le regate non si possono in alcuna maniera svolgere durante la stagione invernale.

Visto e considerato che la 36^ America’s Cup si sta svolgendo nell’emisfero australe, va da se che il termine ultimo per la chiusura della manifestazione sarà il 30 aprile. E se ciò non accadesse? Tutto (comprese eventuali regate già svolte) verrebbe “congelato” fino al primo novembre.

Su LiveMedia24 saranno pubblicati tutti gli aggiornamenti relativi all’America’s Cup. QUI invece il links alla home page ufficiale degli organizzatori.

Roberto Tommasini per LiveMedia24

Condividi