Successo della Porsche GPX Racing nella 1000 km al Paul Ricard

0 23

Un’ultima ora ricca di azione ha visto GPX Racing strappare la vittoria nella 1000 km al Circuito Paul Ricard; per dare alla Porsche la sua prima vittoria della Fanatec GT World Challenge Europe Powered by AWS Endurance Cup nella sede francese.

È stato un successo particolarmente dolce per la squadra con sede a Dubai; che ha visto sfuggire la gloria del campionato alla 1000 km del Circuito Paul Ricard dello scorso anno dopo aver guidato gran parte della corsa di sei ore. Questa volta, tuttavia, è toccato alla Orange1 FFF Racing a soffrire di problemi sul finale di gara. La Lamborghini #63 ha guidato dalla pole e sembrava essere sulla buona strada per una vittoria schiacciante, in particolare quando Andrea Caldarelli ha staccato di 13 secondi durante la terza ora.

Ma la Porsche #22 non è mai stata lontana dal leader. Partito dal sesto posto, Earl Bamber ha fatto progressi durante i primi due stint e ha ceduto a Mathieu Jaminet al quinto posto. L’asso francese è stato in ottima forma sul terreno di casa, superando la Ferrari #71 Iron Lynx di Callum Ilott e poi la BMW #34 Walkenhorst Motorsport di Marco Wittmann per stabilire l’equipaggio GPX come seri contendenti al successo. Tuttavia, la Lamborghini #63 è rimasta la forte favorita mentre la gara superava la metà della distanza.

1000 km paul ricard

 

La gara si è svolta senza interruzioni fino ai minuti finali della quarta ora, quando la Mercedes-AMG n. 2 della GetSpeed ​​si è fermata in pista a seguito di un incidente, causando una FYC che si è trasformato poi in una safety car. La Lamborghini #63 ha effettuato la sua penultima sosta e ha mantenuto la sua posizione in testa al gruppo, mentre la Porsche #22 ha perso diversi secondi ai box ed è scivolata dietro la BMW #34.

Matt Campbell ha assunto i comandi della Porsche GPX per le ultime due ore e ha rapidamente ripreso il secondo posto da Sheldon van der Linde prima di partire all’inseguimento del leader di lunga Caldarelli. Il pilota australiano si è avvicinato per tutto lo stint e, con l’ultimo round di stop che si profilava, il divario si era ridotto a meno di due secondi.

I leader si sono tuffati insieme ai box e la Lamborghini #63 ha mantenuto il suo vantaggio con Marco Mapelli ora al volante, ma mentre il tempo scorreva nell’ultima ora era chiaro che Campbell aveva un vantaggio di ritmo. La caccia era iniziata.

L’asso della Porsche ha rapidamente cancellato i due secondi di ritardo ed è stato particolarmente veloce sulla lunga corsa lungo il rettilineo di Mistral. A 40 minuti dalla fine Campbell si infila sulla Lamborghini e gira sull’esterno, completando il sorpasso in tempo per effettuare la curva. Sembrava la mossa vincente, solo che l’australiano è andato largo poco dopo e ha concesso a Mapelli un’altra possibilità.

Per Mapelli è stata solo una breve tregua, con Campbell che ha fatto la stessa mossa un giro dopo. Ancora una volta l’australiano ha fatto il suo lavoro e questa volta ha mantenuto la sua posizione. Da questo momento in poi l’uomo Porsche ha avuto il controllo della gara e ha portato a casa la vettura numero 22; assicurando alla GPX la sua prima vittoria assoluta dalla Total 24 Hours of Spa del 2019.

Dopo aver ceduto il comando a Campbell, la Lamborghini #63 è caduta nelle grinfie del gruppo degli inseguitori, prima superata dalla Ferrari #71 Iron Lynx e poi sotto la pressione sostenuta dall’Audi #32 del Team WRT di Dries Vanthoor.

La squadra belga ha compiuto ottimi progressi durante la gara dopo che una difficile sessione di qualifiche ha portato a un 15° posto di partenza. La gara è stata tutta un’altra storia in quanto Charles Weerts e Kelvin van der Linde hanno scalato l’ordine. Questo ha permesso a Vanthoor di prendere i comandi al quinto posto. Il giovane ha fatto ulteriori progressi verso la testa e ha revisionato Mapelli per il terzo posto nell’ultimo giro; scatenando scene di giubilo tra l’equipaggio WRT.

Successo della Porsche GPX Racing nella 1000 km al Paul Ricard

Successivamente sono stati promossi al secondo posto quando la Ferrari #71 è stata penalizzata per un’infrazione alla corsia dei box; chiudendo una giornata iniziata con la vittoria di Van der Linde nella gara Fanatec Esports GT Pro Series in scena su Assetto Corsa Competizione. Anche la Lamborghini #63 è stata promossa all’ultimo posto sul podio, premiando una giornata in cui Bortolotti, Caldarelli e Mapelli sono stati al comando ben 166 dei 182 giri.

La Ferrari #71 Iron Lynx, penalizzata, si è classificata quarta; seguita dalla vettura gemella #51, dalla Mercedes-AMG #88 di AKKA ASP e dalla Porsche #54 Dinamic Motorsport. La BMW #34 Walkenhorst Motorsport ha battuto la vettura gemella #35 all’ottavo posto, mentre Saintéloc Racing ha completato la top-10 con la sua Audi #26.

Gli onori della Silver Cup sono andati alla AKKA ASP, che ha trionfato con la sua Mercedes-AMG #87 dopo aver preso il comando della pole-sitting #159 Garage 59 Aston Martin al traguardo delle due ore. Konstantin Tereschenko, Simon Gachet e Thomas Drouet si sono piazzati undicesimo assoluto alla bandiera a scacchi. Due punti di vantaggio sull’inseguitore #14 Emil Frey Racing Lamborghini. Grasser Racing ha completato il podio della Silver Cup grazie a una buona corsa per la sua Lamborghini #16.

Sky Tempesta Racing ha vinto la Pro-Am con la sua Ferrari # 93. Eddie Cheever III ha effettuato un sorpasso all’ultimo giro sulla Lamborghini #19 Orange1 FFF Racing, anche se una penalità di tempo per il leader di classe di lunga data significava che il risultato era già stato assicurato. Cheever e i compagni di squadra Chris Froggatt e Jonathan Hui hanno condotto le prime fasi solo per essere colpiti da una penalità, ma hanno reagito e hanno inseguito la Lamborghini al traguardo. L’Aston Martin #188 Garage 59 è rimasta un fattore determinante per tutto e alla fine ha completato il podio di classe.

1000 km paul ricard

 

La prossima tappa del tour Fanatec GT World Challenge Europe Powered by AWS sarà la sede olandese di Zandvoort; che ospita un paio di gare di Sprint Cup il 18-20 giugno. Da lì, i concorrenti si dirigeranno in Belgio per affrontare i giorni di test della Total 24 Hours of Spa (22-23 giugno). In effetti, la gara principale della stagione è ormai dietro l’angolo.

Alessio Mazzocco – Livemedia24

Foto: GT World Challenge

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Privacy Preference Center