Dominik Paris c’è! Quarto nella libera sulla Stelvio

Era il momento che tutti i tifosi aspettavano, era il momento che lo stesso Dominik Paris aspettava da quel maledetto 21 gennaio, giorno dell’infortunio in allenamento sulle nevi di Kitzbuhel; l’atleta della Val D’Ultimo rispondete presente sulle nevi della Valtellina ed ottiene un’ottima quarta posizione nella discesa libera che si è tenuta oggi sulle nevi della Stelvio di Bormio.

Una gara avvincente quella di oggi, tiratissima, con distacchi molto contenuti: doppietta austriaca; vince Matthias Mayer, seguito a ruota dal compagno di squadra Vincent Kriechmayr che chiude al secondo posto con 4 centesimi di ritardo. Terzo lo svizzero Urs Kryenbuehl.

Mathias Mayer vincitore della discesa libera di Bormio. (Foto: Sergio Bisi/LivePhotoSport)

Paris esce dal cancellato con il coltello tra i denti, spinge forte ma allo stesso tempo lascia correre gli sci nei tratti scorrevoli, cosa che ieri era venuta a meno nel SuperG. Lascia tre decimi nelle curve che conducono al Piano dell’Orso e proprio qui probabilmente sfuma il podio. Ma gli indicatori positivi non mancano oggi, e con fiducia Dominik Paris ora guarda alle gare di Wengen e sopratutto a Kitzbuhel dove ha ancora un conto in sospeso dallo scorso anno.

Quinto posto per Mauro Caviziel mentre il norvegese Aleksander Aamodt Kilde chiude al sesto posto a 28 centesimi da Mayer. Nella libera di oggi, Ryan Cochran-Siegle, vincitore ieri nel SuperG regala momenti di funambolismo, e chiude con un’eccellente settimo posto.

Il podio della libera di Bormio: Mathias Mayer (1°) – Vincent Kriechmayr (2°) – Urs Kryenbuehl (3°) (Foto: Giorgio Panacci/LivePhotoSport)

Gli altri azzurri in gara.

Indicazioni positive anche da Christof Innerhofer che chiude 11° a 63 centesimi dal miglior tempo; quindicesimo Matteo Marsaglia, mentre non vanno punti Emanuele Buzzi, Davide Cazzaniga e Pietro Zazzi.

I velocisti scenderanno nuovamente in pista il 16 gennaio a Wengen, doppio appuntamento poi sulla Streif di Kitzbuhel il 22 e 23 gennaio per il SuperG e la discesa libera.

Roberto Tommasini per LiveMedia24

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More