Cittadinanza onoraria a Michele Pecora

Michele Pecora, noto cantante, ottiene la cittadinanza onoraria ad Agropoli. L’idea era nata ad agosto, in seguito ad un concerto tenuto dall’artista nelle vicinanze del castello angioino aragonese. Idea accolta dallo stesso pubblico, più che dallo stesso sindaco.

“Michele Pecora è un figlio di Agropoli che ha dato lustro a questa città – queste le parole utilizzate dal sindaco, Adamo Coppola – benché si sia trasferito altrove da giovanissimo, ha sempre mantenuto un forte legame con la sua terra natia. Lo dimostrano i brani che ha dedicato ad Agropoli, che ancora oggi ascoltiamo con grande emozione. Attribuirgli la cittadinanza onoraria era un atto dovuto. Ovviamente questo conferimento non è un punto di arrivo: con Michele dovremo lavorare per organizzare eventi e iniziative, ma penso anche a dei progetti per dare delle opportunità ai giovani musicisti locali che un artista come lui sarà in grado di valorizzare e indirizzare”.

“Tutto è iniziato ad Agropoli…” – sorride Michele e continua mentre gli occhi si riempiono di una luce tipica di quando guardi un film che ti coinvolge e hai grandi ricordi nella pellicola che ti scorre davanti…- “E’ raro se non unico immaginare che un ragazzo giovane che aveva lasciato la sua casa natia già da piccolo, poi arrivi al successo discografico nazionale, proprio grazie alla forza di quel ricordo, di quei sapori, di quegli odori. Quella terra mi aveva regalato la poesia e la forza della sua storia, del suo paesaggio, il senso di appartenenza… un punto di riferimento nella mia vita e nella mia carriera”.

Conclude Michele: “Sono un uomo fortunato per essere nato in questa magnifica terra di cui conservo oggi come ieri la poesia, l’emozione, la forza e il colore del suo mare, i suoni della sua gente che oggi, ancor di più, è anche la mia! Grazie Agropoli”.

Alessia Giallonardo per LiveMedia24

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More