Quanto è (ri)conosciuta l’arte italiana all’estero

"Quanto è (ri)conosciuta l'arte italiana all'estero" è il titolo del report sulla visibilità internazionale dell'arte italiana. A cura dello studio di professionisti per l’arte e la cultura BBS-Lombard.

“Quanto è (ri)conosciuta l’arte italiana all’estero” è il titolo del report sulla visibilità internazionale dell’arte italiana. A cura di Silvia Anna Barrilà, Franco Broccardi, Maria Adelaide Marchesoni, Marilena Pirrelli e Irene Sanesi, pubblicato dallo studio di professionisti per l’arte e la cultura BBS-Lombard.

Il progetto è stato presentato giovedì 24 marzo 2022 a Palazzo Bonaparte a Roma. Partner è Arthemisia che ne cura la produzione e l’organizzazione delle mostre.

Il rapporto.

Lo studio si focalizza sugli artisti nati dopo il 1960. Analizza la presenza delle loro opere nei principali luoghi istituzionali e commerciali del contemporaneo internazionale negli ultimi 10-20 anni.

Il report è diviso in due parti: la prima contiene una serie di interviste a 24 curatori e direttori museali sulle potenzialità del sistema dell’arte italiano. Dalle risposte dei 24 curatori emergono i nomi piu conosciuti al livello internazionale: Maurizio Cattelan, da Vanessa Beecroft, Francesco Vezzoli, Monica Bonvicini, Enrico David, Paola Pivi, Tatiana Trouvé, Roberto Cuoghi, Rosa Barba.

La seconda parte del report è dedicata all’analisi dei dati e alla mappatura della presenza dell’arte italiana all’estero.

L’arte italiana contemporanea all’estero.

Su 76 musei esteri esaminati, l’arte italiana è presente in 61 collezioni permanenti. Degli artisti nati dopo il 1960 presi in considerazione del report, ricorrono ben 51 nomi. Dalla analisi di manifestazioni come la Biennale di Venezia e Documenta emergono altri dati, ossia che il numero di artisti contemporanei italiani esposti è aumentato. Nelle edizioni dirette da curatori che conoscono molto bene la scena artistica nazionale il numero cresce ancora di più.

Per quanto riguarda le gallerie internazionali, il 16,2% delle gallerie rappresenta almeno un artista italiano contemporaneo post 1960.

Dal rapporto emerge una vivace attività grazie all’Italian Council e agli Istituti Italiani di cultura all’estero (Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale); visualizzato anche un ampio margine di miglioramento.

L’arte contemporanea italiana deve essere ancora più valorizzata.

Il ministro della Cultura Dario Franceschini ha affermato: “E’ fondamentale sostenere l’arte contemporanea italiana e promuoverla a livello internazionale  soprattutto dopo le difficoltà causate a questo settore dalla pandemia. Si tratta ora di fare un investimento strutturale e il rapporto presentato oggi è importante perché offre una fotografia dei dati della produzione artistica contemporanea del nostro Paese: uno strumento utile per monitorare, comprendere e approfondire i mutamenti di questo settore”.

A cura di Serena Maddalo per LiveMedia24.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More