Nuovo Museo Archeologico di Verona

Apre al pubblico il nuovo Museo Nazionale Archeologico a Verona, realizzato in un edificio del 1856, l'ex caserma asburgica San Tomaso.

A partire dal 18 febbraio apre al pubblico il nuovo Museo Nazionale Archeologico a Verona, realizzato là dove un tempo si trovavano le carceri in cui venivano imprigionati i carbonari che lottavano contro l’Impero Asburgico, l’ex caserma asburgica San Tomaso.

Il nuovo museo è allestito dall’architetto Chiara Matteazzi su progetto scientifico della dott.ssa Federica Gonzato. Propone al pubblico un interessante percorso, arricchito da tecnologie multimediali che valorizzano lo straordinario patrimonio custodito.

Il Museo, i piani e le sale.

Nell’ampio sottotetto hanno trovato collocazione le sezioni dedicate alla Preistoria e alla Protostoria. Narra le principali componenti storiche del veronese, compreso tra 200.000 anni fa e il 100 a.C. Il visitatore potrà rivivere questi tempi antichissimi anche grazie a ricostruzioni fisiche e virtuali, video e altri mezzi di comunicazione multimediale.

Il piano intermedio accoglierà invece i reperti dell’età celtica e romana, oltre ad uffici, biblioteca e spazi per incontri. Il piano terra è destinato a documentare l’età altomedievale.

L’allestimento si sviluppa in modo lineare, attraverso le diverse sale dei due bracci del terzo piano (dal Paleolitico all’età del Bronzo) fino a confluire nel terzo braccio (dedicato all’età del Ferro).

Alcuni reperti.

Tra i molti tesori esposti si segnala la pietra dipinta nota come “lo Sciamano”. Tra le opere d’arte in ocra rossa rinvenute a Grotta di Fumane e riferibili all’attività artistica dei primi Sapiens (40.000 BP, Paleolitico superiore), la più famosa è questa pietra calcarea sulla quale, in ocra rossa, è raffigurato un personaggio che indossa un copricapo. Questa pietra è, ad oggi, una delle più antiche figure teriomorfe (figure di uomo-animale) del pianeta

Risale invece all’Età del Bronzo antico un vaso a bocche multiple recuperato durante lo scavo archeologico della Palafitta del Laghetto del Frassino presso Peschiera del Garda.

Notevoli e numerosi sono gli oggetti da ornamento esposti nel nuovo Museo. Tra essi spicca il magnifico spillone scoperto presso la palafitta de La Quercia a Lazise, lungo più di mezzo metro, con larga testa a disco e gambo ritorto.

Il Museo Archeologico Nazionale di Verona sarà aperto al pubblico nei giorni di venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 18.

A cura di Serena Maddalo per LiveMedia24.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More