Intervistiamo Gonzalo Trujillo, protagonista storico de “Una Vita” e, negli ultimi tempi, approdato anche a “Il Segreto”. Un artista preparato e davvero molto gentile, che non ha esitato un attimo, nel concedersi a noi di LiveMedia24 e, di questo, gli siamo molto grati. Affrontiamo, insieme, alcuni aspetti del suo percorso artistico, la sua passione per la fotografia, per la nostra Italia e la ripresa che ha seguito il precedente lockdown.

Gonzalo Trujillo

Gonzalo Trujillo (Photo Juan Carlos Toledo)

Grazie per essere con noi, Gonzalo. Come stai? Come vivi il periodo legato a questa pandemia che ha colpito il mondo intero? 

Ciao Alessia, piacere di conoscerti. Vivo questo periodo con prudenza, perché dobbiamo essere responsabili affinché possa finire, il prima possibile. Il lavoro purtroppo ha dovuto subire uno stop, ma ho colto l’occasione per fare cose che non avrei potuto fare se avessi dovuto lavorare.

In Spagna, così come in Italia, sei noto per aver preso parte a “Una vita” e “Il Segreto”, due soap opera di successo, ad opera di Aurora Guerra. Nel primo caso hai interpretato il poliziotto Mauro San Emeterio, mentre ne “Il Segreto” vesti i panni di Alberto Santos, un giornalista molto agguerrito. Quale personaggio pensi sia più affine alla tua persona? 

La mia esperienza ne “Il Segreto” è stata molto interessante, ma purtroppo breve. Mi è piaciuto il mio personaggio perché ha avuto un motore molto potente per entrare in città, cercando giustizia per la morte di suo padre. Si è presentato come un personaggio molto astuto e forte e, nel contempo, anche ferito. Decisamente, a segnarmi di più, è stato però il ruolo di Mauro San Emeterio. Mi ritengo fortunato nell’aver dato vita alla sua storia, al suo amore per Teresa e tanto altro. Mi ha coinvolto molto il loro coraggio, il loro senso di giustizia e amicizia, la loro ironia. Rispondendo alla tua domanda, Mauro ed io siamo simili in molti modi e ho imparato tanto da lui. Gli scrittori di “Acacias, 38”, hanno creato un personaggio meraviglioso, Mi sono divertito molto ad interpretarlo in tutte le sue fasi, le sue avventure e i guai in cui si è cacciato.

Come gestisci la notorietà che sei riuscito ad ottenere negli ultimi anni? 

La verità è che vivo una vita molto normale, Non ho giornalisti alla mia porta (ride).

Gonzalo Trujillo

Gonzalo Trujillo (Photo Raul Pilato)

Nel tuo trascorso artistico sono presenti molte esperienze teatrali. Quanto è importante per te il contatto con il pubblico durante uno spettacolo dal vivo?

Il teatro per me è fondamentale, è l’origine dell’attore. La tua domanda è molto interessante; parli del contatto con il pubblico, che per me è un’esperienza magica. Uno spettacolo teatrale è un rito, una vera e propria esperienza di gruppo.

Sui tuoi social è presente un video di una tua breve esibizione canora. Quanto conta il canto nella tua vita? 

Nella mia formazione da attore, ha molta rilevanza anche il canto. In passato ho preso parte ad alcuni musical. Proprio in questo periodo, sono in tour con il musical “24 ore nella vita di una donna”, con la collega Silvia Marsó, anche lei nota in Italia per il suo ruolo ne “Il Segreto”.

Dal tuo curriculum risulta un’altra grande passione, quella per la fotografia. 

Quella per la fotografia, è una passione che nutro fin da bambino. Mio fratello maggiore, quando avevo circa dodici anni, mi ha insegnato ad usare una reflex e, successivamente, a ricreare una camera oscura in casa per lo sviluppo. Il mio interesse, nel tempo, è cresciuto sempre più, sino a diventare un vero e proprio fotografo e photo editor.

Gonzalo Trujillo

Gonzalo Trujillo (Photo Raul Pilato)

Torniamo alla nostra Italia, alla popolarità che hai ottenuto quì. Hai avuto modo di visitare la nostra penisola? Cosa ti piace in particolare di questa terra? 

Ho avuto modo di visitare l’Italia più volte. Mi affascina molto! Ne amo il cibo, l’architettura, i paesaggi e il carattere delle persone. Sto anche studiando l’italiano. Spero davvero di poter tornare presto a visitarla. Vorrei poter conoscere Venezia, Napoli e Tropea, dove vive la mia insegnante di italiano. Mi piacerebbe visitare nuovamente Roma, la Toscana, l’intera Costiera Amalfitana e molto altro. Anni fa sono stato in Sicilia con la mia famiglia. Ne conservo un bellissimo ricordo.

Cosa prevede il tuo futuro lavorativo? 

Tra pochi giorni sarò in scena, a Madrid, con la commedia “Fine dell’inganno” e riprenderò anche il tour legato al musical “24 ore nella vita di una donna”. Due opere che hanno risentito della situazione legata alla pandemia ma, fortunatamente, siamo in ripresa, più carichi che mai. Sono felice di tornare ad esibirmi, dal vivo.

Se ti chiedessi di lasciare un messaggio positivo, vista la pandemia ancora in atto?

Siamo tutti stanchi e molto colpiti da questa situazione, che è davvero drammatica. Dobbiamo continuare a combattere. Penso che le prospettive future siano di gran lunga migliori, rispetto all’inizio. Con i vaccini in corso, la soluzione è vicina.

Gonzalo Trujillo

Gonzalo Trujillo (Photo Juan Carlos Toledo)

 

Ringraziamo ancora Gonzalo Trujillo per averci concesso questa intervista!!

In bocca al lupo per tutto e, alla prossima!

Profilo Instagram di Gonzalo Trujillo

Condividi