Mondiale motocross: in Turchia la spunta Gajser

0 12
Una gara dalle mille facce quella turca; Gajser resta leader indiscusso della classifica generale, ma dietro c’è bagarre.
MXGP

In gara 1 Jorge Prado indovina la partenza e vive di rendita per le prime fasi della gara, che conduce in solitaria. Ma lo spagnolo si spegne progressivamente e sornione ne va ad approfittare Jeffrey Herlings che lo passa e va a conquistarsi la prima manche di giornata. Prado chiude secondo, tallonato in terza posizione da Paul Jonas su Gas Gas.

Brutta partenza per Antonio Cairoli che è costretto ad una gara in rimonta, che però non va oltre alla quinta posizione. Poco male, perché anche Gajser arranca e chiude dietro al siciliano in sesta posizione.

Nella seconda manche, Tim Gajser deve e vuole riscattare la deludente prova del mattino. Parte ancora bene Prado, che però deve cedere ancora una volta il passo nella seconda parte di manche, questa volta soccomberà prima a Tim Gajser e dopo poco, ancora una volta a Jeffrey Herling. Lo spagnolo chiuderà gara 2 sul gradino del podio più basso, dietro appunto a Gajser e Herlings.

Tim Gajser

Lo sloveno Tim Gajser (Foto d’archivio: Davide Messora/LivePhotoSport)

Sfortunato Cairoli che dopo una manche condotta in maniera esemplare, è vittima di una caduta quando si trovata in seconda posizione. Nulla di grave per fortuna, ma l’impatto sulla gara è devastante. Persi quasi 30 secondi prima di risalire in sella e 3 posizioni. Per Antonio, una quinta posizione di manche che lascia l’amaro in bocca.

In classifica generale, Tim Gajser conduce sempre saldamente, seguito a 13 punti da Jorge Prado e a 17 da Febvre. Cairoli è sempre quarto ma ora il siciliano si trova distaccato di 26 punti dal leader.

MX2

È Tom Vialle il trionfatore di giornata sulla sabbia turca di Afyonkarahisar; per il francese, un primo e secondo posto che gli valgono la vittoria over-all di giornata. 

Vialle ha condotto in maniera esemplare gara 1 dove ha dominato e ha lasciato ben poco spazio agli avversari.

In gara 2, il francese scende in pista più “controllato” e a tratti pare che non opponga più di tanta resistenza alla cavalcava di Renaux. 

Buona la prova del nostro Mattia Guadagnini che in Turchia strappa un secondo e un quarto posto di manche, piazzamenti che gli permettono di mantenere la seconda posizione in classifica generale per il giovane pilota bassanese.

Roberto Tommasini per LiveMedia24

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Privacy Preference Center