Alessandra Amoroso: “Non è difficile partire, è coraggioso restare”

Alessandra Amoroso è pronta a pubblicare “Tutto accade” il suo settimo album di inediti della sua luccicante carriera

Trenta dischi di platino, ogni album new entry al numero uno e in classifica per più di un anno, video che contano mezzo miliardo di views, tournée sold out. Alessandra Amoroso pubblica “Tutto accade”, il settimo disco di inediti, nel quale ha lasciato alle spalle il suo passato per tornare con una “nuova sé”.

“Non è difficile partire, è coraggioso restare” è la frase cardine del nuovo lavoro in studio della cantante di Galatina: una radiografia in musica che la rappresenta appieno e un’autentica celebrazione della sua famiglia.

«Questo disco racconta chi è l’Alessandra di oggi. Nel frattempo la mia vita è cambiata: ci sono gli anni in più, le consapevolezze in più. Inoltre ho lasciato tante cose al passato, legandomi maggiormente al presente per “accogliermi” di più facendo ciò che voglio, senza pensare troppo a quello che sarà.»

Sono passati dodici anni dal suo ingresso nel mondo della discografia con “Senza nuvole”, ma quella ragazzina che sorride sempre, che mette entusiasmo in tutto quello che fa, che vive per la sua gente, la sua grande Big Family, è sempre lì.

«Con la mia Big Family ho un rapporto diretto, fatto di incontri, di lettere, di abbracci veri. Non di semplici like! Con il mio pubblico ci siamo conosciuti quando i social non erano ancora così totalizzanti. Naturalmente oggi, grazie alle nuove piattaforme digitali, alla mia musica e ai concerti, ho modo di conoscere ancora più persone che si avvicinano al mio mondo.»

Quella che non c’è più è invece la parte di sé che aveva paura. Paura di piacere, di accettarsi, di bastarsi.

«Non ho più paura di niente, la paura è limitante e io non voglio più avere limiti.»

Nel disco quattordici brani. Spiccano il ritmo di “Tutte le volte”, ma soprattutto le ballad con i colori della voce di Alessandra che accarezza le parole di “Canzone inutile”, “Un senso e un compenso”, “Un’impressione” e “Tutte le cose che io so”, dedicata alla nonna.

Un disco pronto ad essere suonato a San Siro il 13 luglio. Un album coerente con il percorso di Alessandra, teso alla ricerca di parole che rappresentino in maniera onesta e semplice chi è veramente.

Tanti gli autori coinvolti in questo progetto musicale: Paolo Antonacci, Davide Petrella, Federico Zampaglione, Federica Abbate, Giordana Angi, Rocco Hunt, Roberto Casalino, Cheope, Virginio Simonelli, e poi ancora Federica Camba, Daniele Coro, Antonio Iammarino, Daniele Magro, Fabio Gargiulo e Davide Simonetta. I produttori sono Dario Faini, Francesco ‘Katoo’ Catitti e Takagi & Ketra.

Gino Morabito per LiveMedia24

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More