Escursione a Cima Grappa

L’itinerario proposto oggi vi porterà a scoprire il fascino del massiccio del Monte Grappa terminando l’escursione al sacrario militare e alla Cima Grappa.

La cima del Monte Grappa ha un fascino notevole ed arrivare in cima dà una grande soddisfazione. Per chi non è molto allenato ci sono dei modi più semplici per raggiungere la cima in alternativa ai classici sentieri che salgono dalla pianura. Due di questi sono con partenza da San Liberale o da Madonna del Covolo, con però più di 1000m di dislivello positivo. Un sentiero di altrettanta bellezza e notevolmente meno faticoso è il sentiero CAI 100. Ci sono due punti dai quali partire: o da Baita Camol, a quota 1210m, oppure leggermente prima, da Campocroce posto a 1044m.s.l.m.

 

La vista dei Colli Euganei dal sentiero CAI 100 verso Cima Grappa

 

Quest’escursione è molto panoramica verso la pianura in quanto percorre le creste dei vari monti del Grappa come il monte Legnarola, il Monte Palla, il monte Colombera e il monte Meda. Dalla cima poi del monte Grappa il panorama è unico, particolarmente emozionante all’alba e al tramonto. Inoltre lungo il sentiero è facile imbattersi in qualche camoscio al pascolo. Durante il percorso si intreccia varie volte la strada General Giardino che sale a cima Grappa da Semonzo. La strada General Giardino d’inverno è chiusa e la si può percorrere fino a Baita Camol dove si può parcheggiare. Per i più allenati, è possibile partire anche da Campocroce, aumentando di circa 150m il dislivello positivo.

 

Il sentiero da seguire è sempre il sentiero CAI 100. Se si decide di partire da Campocroce, i primi 150m di dislivello metteranno subito a dura prova il proprio allenamento. Dopo pochi minuti, ci si ricollegherà al sentiero che parte da Baita Camol. Da questo punto in poi il sentiero inizia a salire in maniera costante e poco ripida superando in maniera leggera le varie creste dei monti fronte pianura del Grappa il monte Legnarola, il Monte Palla, il monte Colombera. Dopo la prima ora di cammino si supera anche la croce del Monte Colombera che è a 1400m.s.l.m. e da qui il sentiero sale in maniera molto più ripida rispetto a prima raggiungendo anche il monte Meda a 1629m.s.l.m.

 

 

La vista del Sacrario del Monte Grappa

 

Ormai manca poco e con un ultimo strappo si raggiunge prima il Sacrario di Cima Grappa a 1775 metri s.l.m. e poi si può raggiungere anche il rifugio Bassano che è aperto tutto l’anno salvo imprevisti.

 

 

 

Per il ritorno si può fare la stessa strada dell’andata oppure si deviare per il sentiero 180 per poi ritornare lungo la strada che porta a Baita Camol.

 

Partenza: Baita Camol 1210m oppure Campocroce 1044m
Tipologia: andata e ritorno
Dislivello: 650m / 800m
Quota massima: Cima Grappa 1775 metri
Tempi: 2 ore / 2.20 ore per raggiungere la cima
Segnaletica: buona
Difficoltà: medio facile
Punti d’appoggio: rifugio Bassano
Gruppo: Massiccio del Monte Grappa
Cartografia: Tabacco 1:25.000, foglio 51, Monte Grappa – Bassano – Feltre
Periodo consigliato: primavera inverno autunno

 

Mattia Radoni per LiveMedia24

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More