“Se non sei tu il primo a credere nei tuoi sogni, nessun altro lo farà al posto tuo”.

Avevamo lasciato così Kety Franzolin, scrittrice camponogarese, nel nostro primo articolo su di lei. Bene, è arrivato il momento di conoscere qualcosa di più delle sue opere.

Scopriamo Kety Franzolin, la scrittrice sognatriceIl primo lavoro di Kety è il romanzo fantasy, “This is Me”, pubblicato inizialmente da Altromondo Editore nel 2011 e successivamente da MGC Edizioni nel 2013. Quest’ultima acquisisce non solo i diritti dell’opera, ma dell’intera trilogia prima ancora che venisse scritta, con gioia e sorpresa dell’autrice. “Ero l’unica scrittrice fantasy della casa editrice”, ci spiega Kety.“Volevano ampliare la loro offerta editoriale e io facevo al caso loro”.

MGC Edizioni pubblica This is Me” (volume 1), Watch Me Burn” (volume 2) e “Another Chance” (volume 3).

Titoli inglesi per raccontare una storia fantastica, ambientata fra mondi immaginari, scandita dal compiersi di un’antica profezia e impreziosita da risvolti amorosi e sentimentali.

Scopriamo Kety Franzolin, la scrittrice sognatriceLa trama.

La protagonista sembra essere una giovane donna dei giorni nostri, trasportata in un contesto immaginario.

Kety Franzolin si racconta.

“Definisco la saga “fantasy” ma in realtà si tratta del percorso di crescita di una donna che cresce e scopre le sue potenzialità dopo ogni errore, in situazioni che ognuno di noi può vivere anche nel mondo reale. Una storia d’amore combattuta che può esistere anche ai giorni nostri. La solitudine o il tormento per non sentirsi accettato. In tutti e tre i romanzi si affrontano temi che, seppur in chiave fantastica, sono attualissimi”. Pare che la storia sia stata apprezzata proprio per questo: ricordiamo “This is Me” ha vinto il concorso nazionale “Autore di te stesso” del 2011, che la trilogia è stata presentata alla Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria del 2014; l’anno dopo “Watch me Burn” si è classificato al secondo posto del concorso letterario del 2015 indetto da Recensionelibro.it.

Nonostante questo, la collaborazione con MGC Edizioni s’interrompe, e la trilogia viene ritirata; A questo seguono cinque anni di assoluto silenzio.

Dopo 5 anni di silenzio, Kety Franzolin, la scrittrice sognatrice pubblica “Non andare via”.

Ed eccoci ai giorni nostri: Kety Franzolin torna con un nuovo romanzo,“Non andare via”, un libro che racchiude in sé più generi, dal romance, al giallo, al fantasy.

Un libro completamente diverso dai precedenti, ambientato nell’era moderna, denudato dalla poesia di “This is me” ma accattivante nella storia. Il vero punto forza di “Non andare via” è la struttura, suddivisa in piani di narrazione temporale, che conduce il lettore ad una contrapposizione dei personaggi del passato con il presente, spingendolo ad andare sempre avanti per trovare risposte alle domande che inevitabilmente sorgono. Il nuovo romanzo, dallo stile fluido e scorrevole, sta già raccogliendo i primi successi dei lettori con numerose recensioni positive, e sembra premiare gli sforzi dell’autrice come self-publisher, scelta dettata dalle sue passate esperienze negative con le case editrici.

 

“Quando ‘Non andare via’ è uscito, ero terrorizzata”, ci racconta l’autrice.“Temevo che il romanzo non potesse piacere, essendo così tanto diverso dalla trilogia, e che la gente mi affossasse. Avevo paura anche per la mia scelta editoriale: gli addetti del settore non guardano di buon occhio il self-publishing e se da una parte lo comprendo, dall’altra so che c’è un grosso lavoro dietro questa storia. Non è stato scritto e messo subito in rete, anzi: è stato visto, rivisto ed esaminato da professionisti che lo hanno reso ciò che è: un buon libro”.

L’autrice ci rivela che “Non andare via” è attualmente in gara in un concorso nazionale ma non si sbilancia oltre per scaramanzia. “Incrocio le dita!”, dice Kety.

Scopriamo Kety Franzolin, la scrittrice sognatriceLe incrociamo anche noi e speriamo che tutti questi piccoli passi possano realizzare i suoi sogni di scrittrice… Perchè ora il mondo ha bisogno soprattutto di questo: sognare.

E’ proprio in un periodo così incerto che sognare può essere un modo per staccarsi, anche se per un piccolo attimo, da una realtà difficile. Prendersi del tempo per leggere un buon libro potrebbe essere la soluzione perfetta per entrare in una realtà fatta di speranze.

puoi acquistare “Non andare viasu amazon

Qui la prima parte dell’intervista a Kety.

Condividi
Ti potrebbe interessare ...

Privacy Preference Center