IO SONO MIO FRATELLO” è il titolo del nuovo libro di Giorgio Panariello.

Queste le parole che Giorgio utilizza per definire ciò che suo fratello rappresentava per sè e per gli altri:

«Tutti avevano un aneddoto su di lui, perché Franco era divertente nel suo essere fuori di testa, un equilibrista che camminava su un filo sospeso tra la consapevolezza e l’incoscienza. Ognuno ha il suo Franco personale, io racconterò il mio…»

È all’età di 60 anni che Giorgio sente la necessità di parlare di suo fratello Franco, di quel 27 dicembre del 2011 che tanto lo ha segnato e lo fa con questo libro autobiografico, un libro più che realistico e autentico.

«Crescere senza affetto è come stare senza un tetto sopra la testa, non ci si sente mai protetti, difesi, mai a casa. È stata solo una questione di culo. Potevo nascere un anno dopo di lui e mio fratello sarei stato io. E invece è toccato a lui sentirsi addosso un anno di meno, un anno di troppo. Se la mia vita si stava incanalando sui binari giusti, quella di Franco a un certo punto ha deragliato».

Suo fratello Franco non c’è più e questa scrittura, così personale, diventa un monito, un punto di ritrovo, per chi lo leggerà. Sono passati nove anni da quel tragico ricordo e questa storia, tenuta per così tanto tempo segreta, viene fuori con un fare a tratti anche pungente, ma schietto e intriso di forti e reali emozioni.

La copertina de il nuovo libro di Giorgio Panariello: “Io sono mio fratello”

Edito per Mondadori, “IO SONO MIO FRATELLO” è in vendita già da oggi, 3 novembre, ed è salito subito ai massimi vertici delle classifiche di vendita degli store digitali in pre-order.

Panariello, che ricordiamo essere un bravo attore di cinema, tv e teatro, non è alla sua prima esperienza come scrittore. Tra i suoi precedenti scritti ricordiamo: Non ti lascerò mai soloGuardami negli occhiSo che ci sarai sempre e Adesso tu. 

Condividi