Davide Maso, consulente del risparmio

Diamo il benvenuto a un nuovo prezioso collaboratore. Davide Maso ha 53 anni ed è Consulente Patrimoniale da 31. E’ papà di un meraviglioso figlio di nome Lorenzo e ha iniziato quest’attività giovanissimo e la figura del consulente finanziario era praticamente agli albori.

Davide MasoLa carriera di Davide Maso

La lunga esperienza fin qui maturata in questo settore gli ha permesso di crescere moltissimo a livello professionale e di costruire solide e meravigliose relazioni con i suoi clienti (persone straordinarie che lui ringrazia sempre per l’opportunità che gli hanno dato di svolgere la professione che ama) e che oggi rappresentano il valore principale della sua attività. Il primario obiettivo di Davide Maso è quello di curare moltissimo i suoi clienti pianificando il patrimonio con strategie di medio e lungo termine, finalizzate a garantire soddisfacenti ritorni economici e sicurezza per il futuro. Grazie a ciò, protegge e tutela il tenore di vita e i patrimoni delle famiglie, anche prendendosi cura delle successioni ereditarie.

Dove ha lavorato

Commerzbank e Banca Intesa, sono le aziende con cui ha operato dal 1990 al 2004. Dal 2005 Consulente Finanziario in Credito Emiliano Spa (Credem).

La certificazione

Nel 2005 ha conseguito la certificazione Efpa (European Financial Advisor) il più autorevole organismo europeo che ha come unico scopo, quello di incrementare l’etica e la professionalità dei propri appartenenti, elementi oggi imprescindibili e di significativa tutela per il risparmiatore.

L’esperienza di Davide Maso

Davide Maso dal 2009 è iscritto all’Albo CTU presso il Tribunale di Venezia. Dal 2018 è anche educatore finanziario certificato. Nel 2019 ha terminato un master di specializzazione come consulente patrimoniale e su questo interessante argomento, ha appena scritto un libro che si intitola “Lascia la tua impronta”. Un viaggio alla scoperta di storie vere che evidenziano quanto carente sia l’educazione finanziaria e patrimoniale nel nostro paese e come questa carenza provochi dei veri e propri dissesti del nostro patrimonio personale e di famiglia.

Condividi