Debutto in MotoGP per Lorenzo Savadori, neo campione italiano SBK. Il pilota ha esordito nella massima categoria del mondiale motociclistico in occasione del Gran Premio d’Europa, che si è corso a Valencia dal 6 all’8 novembre, in sella all’Aprilia RS-GP per concludere la stagione 2020 al posto di Bradley Smith, che sostituiva Andrea Iannone sospeso per doping.

Il romagnolo sostituirà Bradley Smith nell’Aprilia Racing Team Gresini anche nelle tappe che restano per concludere il Campionato 2020 del MotoGP. Quindi, sarà presente anche al GP della Comunitat Valenciana del 15 novembre, sempre sul Circuit Ricardo Tormo, e poi al GP del Portogallo a Portimao del 22 Novembre.

Carriera

Nato a Cesena nel 1993, Lorenzo Savadori è Campione Italiano ed Europeo 125 GP con Aprilia nel 2008. Nella stessa stagione debutta nel Mondiale 125 con tre wild card. Nel 2009 corre nel Mondiale 125. Due anni dopo esordisce nella Superstock 1000 dove nel 2014 si laurea vicecampione. Nel 2015 porta al debutto la nuova Aprilia RSV4 RF nella Superstock ed è un trionfo: raccoglie 4 vittorie, 7 podi e 3 pole position che lo portano a vincere il Campionato Superstock 1000 FIM Cup regalando ad Aprilia il titolo Costruttori. Gli anni 2016, 2017 e 2018 vedono Lorenzo impegnato nel Mondiale SBK sempre su Aprilia RSV4. Nel 2019 è vicecampione Superbike nel Campionato Italiano Velocità. Nel 2020 diventa collaudatore Aprilia MotoGP ed è campione italiano della SBK dove ha dominato la massima categoria del CIV con sei vittorie e due secondi posti nelle otto gare disputate in sella alla sua Aprilia RSV4 del team Nuova M2 Racing. Una grande performance, ottenuta in un campionato estremamente competitivo dove ha sfidato e battuto avversari tosti come Michele Pirro, collaudatore della Ducati in MotoGP.

 

Moto: debutto in MotoGp per Lorenzo Savadori

Lorenzo Savadori al Mugello per il round 2 del CIV (foto Lisa Guglielmi)

Moto: debutto in MotoGP per Lorenzo Savadori

Lorenzo Savadori campione italiano SBK (foto Giorgio Panacci)

Per Lorenzo Savadori debutto sfortunato in MotoGP, ritiro causa problemi tecnici.

Debutto sfortunato purtroppo in MotoGP, perché il romagnolo prima è protagonista di una caduta, scivolando al terzo giro, e poi dopo aver recuperato fino alla quindicesima posizione, ha dovuto abbandonare la gara per un problema tecnico (un allarme sul cruscotto) a 2 giri dalla fine.

Dichiarazioni del pilota a fine gara

“All’inizio sono riuscito a superare subito Rabat e non stavo spingendo troppo, aspettavo che calasse un po’ la benzina per iniziare a fare il mio ritmo – afferma Savadori -. Purtroppo ho perso l’anteriore in un punto dove non me lo aspettavo, sono ripartito ma ovviamente la moto non era in condizioni perfette. Ho continuato, anche per fare esperienza e raccogliere dati, fino a quando un allarme sul cruscotto mi ha costretto al ritiro. E’ ovviamente un peccato ma tra qualche giorno avremo modo di riprovarci”.

Fonte: MotoGP (https://www.motogp.com/)

Foto: Lisa Guglielmi (https://www.livephotosport.it/)

Foto: Giorgio Panacci (https://www.livephotosport.it/)

Condividi