Ritorna il “Grand Central Literary Festival”, il festival del veneziano che unisce Cultura, gusto della socialità e rigenerazione urbana

Il 25 maggio al via la seconda edizione della rassegna d'incontri con autore nei mercoledì di Mestre

Grand Central Literary Festival
Silvia Scagnetto, l’ideatrice del Festival. Foto:©GrandCentralLiteraryFestival

MESTRE- Il 25 maggio al via l’attesa seconda edizione del “Grand Central Literary Festival”, presso il dehors del bistrot Grand Central in via Piave a Mestre (VE).

La rassegna, curata da Silvia Scagnetto, organizzatrice di eventi e manager sportiva,  nasce lo scorso anno grazie alla sua collaborazione con l’imprenditore Giovanni Dal Poz, titolare del Grand Central.

Il locale di recente apertura ha fortemente contribuito a ridisegnare la fruizione di un’area non facile della città, ora riassorbita come luogo di cultura e socialità a disposizione dei cittadini. Gli appuntamenti letterari animeranno i mercoledì mestrensi indicativamente nei mesi di Giugno e Settembre, con la stagione estiva, e poi ancora a Novembre, Dicembre e Febbraio con la stagione invernale.

Il Festival, che inizierà dunque mercoledì, porterà ancora una volta il pubblico ad attraversare e a scoprire molti generi letterari. Si passerà dal giallo al fantasy, dal romanzo storico ai racconti brevi, dalla narrativa alla saggistica. In un’atmosfera accogliente e contemporanea si avrà dunque modo di conoscere gli stessi autori. Essi  spaziano da affermati professionisti del settore, come giornalisti e professori, a scrittori semplicemente appassionati a questa forma di espressione.

“Il Literary Festival ha dato la possibilità a diversi scrittori di poter finalmente tornare a presentare i propri libri in presenza, davanti ad un pubblico reale…”

                                                                                                      – Silvia Scagnetto

Il Festival

La precedente edizione del ‘Grand Central Literary Festival’,  inaugurata nel giugno 2021, è stata una prima occasione di convivialità e scambio dopo i lunghi periodi di lockdown che avevano segnato l’anno precedente e quell’inverno. Tra gli autori ospitati,  quasi tutti legati al territorio, ci sono stati tra gli altri l’allenatore Gianni Vio, il giornalista Pierluigi Rizziato, la studiosa Arianna Dagnino e l’illustratore Disney Roberto Vian. 

Il Festival si è affermato anche grazie al passaparola e alla stima degli autori che contattano l’ideatrice Silvia Scagnetto chiedendo di poter partecipare. Un successo inaspettato che conferma quanto il Festival sia un appuntamento ricercato.

Il format del Festival  prevede che ogni incontro sia moderato da una persona di fiducia dello stesso autore.  Questo, con partecipazioni variegate e dinamiche, contribuisce ad incrementare i contenuti ed il dibattito culturale che scaturisce da ogni presentazione.

Il Literary Festival ha permesso a diversi scrittori di tornare a presentare i propri libri in presenza, davanti ad un pubblico reale, dopo mesi di distacco forzato. Nel susseguirsi delle serate tale pubblico, composto non necessariamente da accaniti lettori ma anche da persone qualsiasi, è cresciuto. Esso si è fidelizzato,  trovando in questi incontri un valido momento di arricchimento, confronto o semplice ascolto. Il pubblico, sentendosi coinvolto, nell’ultima fase dell’incontro spesso partecipa al dibattito ponendo domande per approfondire le questioni e gli aspetti che lo hanno più interessato. Gli incontri con autore si tengono sempre al mercoledì, in orario pre-dinner (h18:45), e si propongono quindi come un aperitivo alternativo.   

La copertina del libro ‘Rotta su Venezia’ di Gianni Pasin. Questo il link alla pagina Facebook del libro.
L’appuntamento di mercoledì 25 per ‘Il Maggio dei Libri’

Mercoledì al Grand Central  sarà presente Gianni Pasin,  imprenditore e scrittore, che presenterà il libro ‘Rotta su Venezia’ (Ediciclo Editore , 2021),  opera insolita e ricca di spunti per chiunque voglia avvicinarsi alla città più bella del mondo. Modera l’incontro Nadia Pasqual, comunicatrice esperta di turismo. L’autore Pasin  racconterà  come la navigazione e la pedalata, con il loro andamento slow, lascino spazio a storie, incontri, riflessioni, scorci e tramonti indimenticabili. Paesaggi mai visti e luoghi noti che emergono dalle acque come tante nuove scoperte per farsi conoscere, nella loro anima più autentica. Un viaggio tra storia, sapori e tradizioni di genti e terre strappate all’acqua.

Originario di San Donà di Piave (VE), Gianni Pasin è un imprenditore del Nordest che ha costruito il successo con il sacrificio e la forza di volontà. Un uomo d’altri tempi che ha saputo stare al passo con la modernità. Spirito libero, curioso ed intraprendente, nel corso della sua vita, Pasin ha viaggiato in quasi 100 Paesi, sempre alla ricerca del bello e del nuovo. Le sue radici però sono rimaste ancorate al Veneto, terra di cui è innamorato.

Il primo appuntamento di questa nuova edizione si inserisce anche all’ interno di ‘Il Maggio dei Libri’, campagna nazionale che invita a portare i libri e la lettura anche in contesti diversi da quelli tradizionali. Scopo della campagna, in perfetta sintonia con la mission del Festival, è stimolare le persone alla lettura,  riuscendo ad incuriosire anche coloro che non sono degli appassionati.

Cultura e rigenerazione urbana: il caso di Via Piave

Via Piave è una delle arterie principali che collega l’area della stazione ferroviaria Venezia – Mestre al cuore del centro cittadino. Negli ultimi anni l’intera zona è stata interessata da episodi legati al degrado e alla malavita, ma ora, grazie alla presa di posizione di alcuni cittadini la situazione sta mutando.

Sono nate varie realtà che stanno piano piano riconsegnando il quartiere alla cittadinanza,  nel nome della cultura e di altre attività ricreative. In questo contesto si inserisce il Grand Central con il suo Festival letterario.

Il locale, grazie all’appoggio dell’amministrazione comunale, ha ridisegnato completamente la piazzetta che ospita un importante monumento, la Fontana dei Mestieri con le quattordici statue bronzee opera dello scultore veneto Gianni Aricò.   Lo spazio, che prima appariva abbandonato, ora è segnato da uno spazio verde ben curato con fiori e un plateatico. Proprio all’inizio di quest’anno si è completata l’opera di recupero della piccola piazza con l’ampliamento del Gran Central che ora, oltre al bistrot, offre anche un rinomato ristorante ed una pizzeria. Essi sono sorti nei locali dell’ ex biblioteca di Mestre dismessa negli anni ’90. Proprio i libri, hanno segnato negli scorsi mesi il battesimo di questo nuovo spazio, il palco al suo interno ha infatti ospitato gli autori  degli incontri conclusivi della fase invernale della scorsa edizione del Literary Festival.

Lo stesso palco, dotato di pianoforte a coda, ora ogni settimana si anima grazie alla ricca proposta di musica dal vivo jazz e blues.

La offerta culturale del Grand Central, assieme a quella pensata dal progetto Chorus  (che utilizza un negozio sfitto per eventi, mostre e workshop), alle varie attività sociali che hanno come fulcro la ‘Portineria di Quartiere’ di via Piave (che si svolgono in parte in una corte di vicinato cioè un piccolo cortile divenuto luogo di incontro) e i Giardini Musicali (rassegna di concerti estivi in un’ area verde che costeggia la strada) sono iniziative che hanno creato un nuovo cuore legato alla cultura.

L’area dunque si sta ricollegando ad altri punti di riferimento culturale come la vicina  Biblioteca VEZ, Piazza Ferretto,  il Teatro Toniolo, il Centro Culturale Candiani ed M9, il nuovo Museo del ‘900. Anche la vicina rotatoria urbana è stata ridisegnata con l’installazione di tre grandi lampade a forma di Papavero. Esse oltre ad  avere una funzione pratica rendono esteticamente più colorato il percorso.  Un progetto inoltre prevede il ridisegno della stazione ferroviaria che segnerà ulteriormente la rinascita urbana, collegando in modo ciclopedonale Mestre e Marghera e offrendo nuovi servizi.

Il simbolo del Grand Central, e quindi anche del suo Literary Festival, è significativo come testimonianza di questo processo di rinnovo. Esso rappresenta infatti un pavone che mostra la sua bellezza, cosa che anche quest’area ha finalmente iniziato a fare.

Immagine di un appuntamento della scorsa edizione del Festival nel dehors del Grand Central. Foto:©GrandCentralLiteraryFestival
Gli appuntamenti della  stagione estiva 2022 

25 maggio:  Gianni Pasin (“Rotta su Venezia”, Ediciclo 2021). 1 giugno: Maurizio Crema (“Naviganti di frodo”, Risfoglia-Armando Curcio Editore 2021). 8 giugno: Alessandro Cinquegrani (“Pensa il risveglio”, Terrarossa 2021). 15 giugno: Mere Õie Kalle (“SIERF – Le regole cambiano”, Planet Book 2021). 22 giugno: Alessandro Sbrogiò` (“Il falò del Saraceno”, Bookabook 2021).

Poi:

31 agosto: Beatrice Giai Gischia (“Gorgò La Regina di Sparta”, Santelli 2020). 7 settembre: Annalisa Bruni con “Il ragazzo e la civetta” del padre Bruno Bruni (Campanotto, 2022). 14 settembre: Andrea Crestale (“Il viaggio, gli stivali, lo zaino”, Bertoni 2021). 21 settembre: Paolo Giovannetti (“Hotel Belvedere e altri racconti”, self-publishing 2022). 28 settembre: Mariangela Galatea Vaglio (“Teodora. I demoni del potere”, Piemme 2022).  5 ottobre: Filippo Caburlotto (“Fuga dall`ordine”, Albatros 2022).

La fase estiva dell’ edizione 2022 del ‘Grand Central Literary Festival’ si realizza anche grazie alla collaborazione con l’associazione sportiva Judokwai. Essa fornisce materiale ed attrezzature tecniche necessarie allo svolgimento degli incontri. Collabora anche la libreria San Michele di Mestre, dove sono acquistabili le copie dei libri che verranno presentati.

 

 

Grand Central Literary Festival
Foto:©GrandCentralLiteraryFestival

 

L’incontro con l’autore Gianni Pasin si svolgerà mercoledì 25 maggio alle ore 18:45 presso il bistrot Grand Central di Mestre, Piazzetta Monsignor Olivotti 15. La serata è a ingresso libero ma per sostenere la realizzazione della rassegna il pubblico è invitato a gustare i buonissimi aperitivi&cicchetti del bistrot. 
Per prenotare chiamare lo 041 978278

 

 

Il link alla pagina ufficiale del ‘Grand Central Literary Festival’ per restare aggiornati su tutti gli appuntamenti: https://www.facebook.com/literaryfestivalmestre

Per approfondire le iniziative de ‘Il maggio dei Libri’:  https://www.ilmaggiodeilibri.cepell.it/

Diana Stella Tarlindano per LiveMedia24

TI POTREBBE INTERESSARE – Maria Falcone apre la XXXIV edizione del Salone Internazionale del libro di Torino.
TI POTREBBE INTERESSARE – Verde Laguna.

SEGUICI SU INSTAGRAM.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More