Mutonia: “Malèssere” il nostro messaggio

Annunciato a più riprese durante il loro tour estivo, "Malèssere", il nuovo album dei Mutonia è ora realtà! Scopriamolo assieme!!

LiveMedia24 accoglie nuovamente i Mutonia che ci presentano il loro album dal titolo “Malèssere”.

Un lavoro ben strutturato, quello realizzato dai Mutonia con “Malèssere”, un’album voluto e annunciato a fine tour.

Vi lasciamo a questa intervista dei Mutonia, al loro “Malèssere”, alla loro musica.

Ragazzi, vi ringraziamo per aver accolto il nostro invito!! “Malèssere” è il titolo del vostro primo album in italiano, disponibile già dal 10 ottobre, giornata della salute mentale. Come ha preso vita questo lavoro e cosa potete ‘svelarci’ a riguardo?

Ci piace dire che questo disco, “Malèssere”, è stato spesso ‘vomitato’ a fine “Fuckin’ Tour”, lo scorso settembre del 2022. Ci facciamo spesso ispirare dalle nostre vite, da ciò che vediamo accadere.. In quindici anni ne abbiamo viste di cose! Viviamo in una società frettolosa, distratta, malata, indifferente, questa è la verità. Ci è bastato osservare le vite per far si che arrivassero i suoni disturbanti e i testi a descrivere il tutto. “Malèssere” racconta di come conviviamo con le paure che ci accompagnano da una vita e del male che ci circonda. Il disco dice chiaramente che è inutile cercare di sopperire queste emozioni ma più che altro conviverci.

Dopo anni di buona musica finalmente vi è un passaggio alla nostra, vostra, lingua..

Dopo aver lavorato in studio con Manuel Agnelli ci siamo detti che era l’ora di tornare a scrivere in lingua. Dico ‘tornare’ perché in pochi sanno che in realtà, nel 2011, abbiamo registrato un disco in italiano per pochi intimi. Mi sono sentito a mio agio nello scrivere in una lingua che parlo da quando ero bambino.

“Un male dentro” queste la parole da voi utilizzate per questo ritorno in musica. Da cosa nasce questo male e come si trasforma poi in musica?

C’è del “Malèssere” in ognuno di noi, no? O siamo tutti angeli senza problemi? Ci sono angoli bui dentro ognuno di noi e, osservando l’essere umano o le nostre vite, si può ricavare molto. Volevamo che la gente potesse ricevere in dono un disco da ascoltare e comprendere. Perché “Malèssere” è un disco rock, energico, divertente, che fa pensare ma c’è anche una tematica che aleggia sulla sanità mentale, di cui non se ne parla mai abbastanza.

Chi sono i Mutonia, come si sono formati e cosa si augurano di poter concretizzare in futuro?

La band si forma nel 2009 quando Prostin, ossia Matteo De Prosperis, cerca gente con cui suonare e poi una sua amica lo mette in contatto con Fabio Teragnoli (basso) e i due fanno la prima prova con un batterista casuale. Successivamente con loro avrebbe provato Maurizio e la band si consolida. Nel corso degli anni abbiamo fatto tanto e ci auguriamo di poter restare insieme e fare ancora di più.

Alessia Giallonardo per LiveMedia24

MalessereMutonia