Una piacevole chiacchierata con Fabio Massimo Bonini

Da sempre attore, oggi Fabio Massimo Bonini è anche un apprezzato doppiatore. Conosciamolo meglio in questa nostra, breve intervista.

LiveMedia24 ha il piacere di incontrare Fabio Massimo Bonini, da sempre impegnato anche nel doppiaggio e non solo.

Fabio Massimo Bonini oltre che un affermando professionista è anche nonno, ma sopratutto un uomo che ha saputo raggiungere traguardi importanti nella vita.

Vi lasciamo alle parole di Fabio Massimo Bonini, alla sua carriera, ai progetti futuri.

Ti ringraziamo per aver accolto l’invito di LiveMedia24, Fabio, come stai?

Sto davvero bene, grazie! Sono una persona felice, realizzata.

Da sempre attore, come ebbe inizio il tutto e cosa ricordi dei tuoi esordi, dei primi passi mossi dinanzi la macchina da presa?

La voce ha caratterizzato sin da subito i miei inizi, attraverso la radio. La prima esperienza davanti la macchina da presa è stata con un piccolo ruolo ne I Promessi Sposi con Burt Lancaster, Alberto Sordi e Franco Nero. A dirigermi, per tale occasione, Salvatore Nocita.

A Cavallo tra il 1999 e il 2000 vi fu una partecipazione ne “Casa Vianello” e “Cascina Vianello”, al fianco di Raimondo Vianello e Sandra Mondaini. Che ricordo porti con te da quella esperienza?

Li ricordo con immenso piacere. Raimondo, a cui era impossibile dare del tu, conosceva a memoria le battute di tutti noi ed era molto abile nel correggerci. Sandra era, invece, molto affettuosa. Si perdevano in un continuo borbottio reciproco, nella finzione come nella vita. Due veri maestri!

Il 1999 ti ha visto prendere parte alla soap di Canale5, “Vivere”. Una “visibilità” giornaliera, dunque, che ti ha permesso di entrare in punta di piedi nelle case degli italiani. Cosa ricordi di quel periodo?

Raggiungevamo cinque milioni di telespettatori al giorno, una cifra davvero incredibile! Ho appreso tanto in quel periodo, così come la possibilità di poter mettere la memoria al servizio del ruolo. Per il pubblico eravamo di casa e spesso, nell’incontrarci, confondevano persona e personaggio. Risultava strano essere al supermercato per la spesa e sentirti chiamare con il nome del ruolo interpretato. Ho un ottimo ricordo anche dei colleghi.

Cosa puoi anticiparci sul tuo futuro artistico?

In arrivo vi è un nuovo progetto che mi riporterà alla radio, negli Stati Uniti. Altro bolle in pentola e quando sarà concretizzato sarai la prima ad averne notizia.

Alessia Giallonardo per LiveMedia24

Fabio Massimo BoniniCasa VianelloVivere